PIEMONTE ZONA ROSSA: ECCO LE MISURE DEL NUOVO DPCM (TESTO COMPLETO)

PIEMONTE ZONA ROSSA: ECCO LE MISURE DEL NUOVO DPCM (TESTO COMPLETO)

E’ arrivata nella notte di ieri la firma del nuovo DPCM da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un testo che è stato ampiamente discusso con non poche polemiche da parte soprattutto delle Regioni, che per tramite di Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni scrivono: “Destano forti perplessità e preoccupazione le disposizioni che comprimono ed esautorano il ruolo e i compiti delle Regioni e delle Province autonome” chiedendo “di varare il provvedimento ristori insieme a dpcm“.

Successivamente quindi uno slittamento nell’applicazione delle misure, ecco quali sono quelle principali che impone il DPCM a partire da venerdì 6 novembre 2020 per il Piemonte, che ricordo, viene considerato al momento zona rossa.

𝐒𝐏𝐎𝐒𝐓𝐀𝐌𝐄𝐍𝐓𝐈

🚫 VIETATI in entrata e in uscita dal Piemonte salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute.
🚫 VIETATI tutti gli spostamenti anche all’interno del proprio comune con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.
✅ CONSENTITI quelli strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita.
✅ CONSENTITI per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

𝐀𝐓𝐓𝐈𝐕𝐈𝐓𝐀’ 𝐌𝐎𝐓𝐎𝐑𝐈𝐀 𝐄 𝐒𝐏𝐎𝐑𝐓

👉 CONSENTITA INDIVIDUALMENTE l’ATTIVITA’ MOTORIA in prossimità della propria abitazione purchè comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con OBBLIGO di utilizzo di DISPOSITIVI DI PROTEZIONE delle vie respiratorie.
🚫 SOSPESE le attività sportive, comprese quelle presso CENTRI e CIRCOLI SPORTIVI, anche se svolte all’aperto; sono sospesi altresì tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva.
👉 E’ altresì CONSENTITO lo svolgimento di ATTIVITA’ SPORTIVA esclusivamente all’APERTO ed in forma INDIVIDUALE.

𝐀𝐓𝐓𝐈𝐕𝐈𝐓𝐀’ 𝐃𝐈 𝐑𝐈𝐒𝐓𝐎𝐑𝐀𝐙𝐈𝐎𝐍𝐄

🚫 SOSPESE a esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale.
✅ CONSENTITA la ristorazione con consegna a domicilio nonchè fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
✅ RESTANO APERTI gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

𝐀𝐓𝐓𝐈𝐕𝐈𝐓𝐀’ 𝐂𝐎𝐌𝐌𝐄𝐑𝐂𝐈𝐀𝐋𝐈 𝐀𝐋 𝐃𝐄𝐓𝐓𝐀𝐆𝐋𝐈𝐎

🚫 SOSPESE le attività di commercio al dettaglio fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

𝐀𝐓𝐓𝐈𝐕𝐈𝐓𝐀’ 𝐃𝐈 𝐒𝐄𝐑𝐕𝐈𝐙𝐈 𝐀𝐋𝐋𝐀 𝐏𝐄𝐑𝐒𝐎𝐍𝐀

✅ CONSENTITE le attività di PARRUCCHIERI e BARBIERI e LAVANDERIE.
🚫 CHIUSI centri ESTETICI e centri BENESSERE.

𝐌𝐄𝐑𝐂𝐀𝐓𝐈

✅ RESTANO CONSENTITI solo i banchi ALIMENTARI, sospesi quindi tutti i banchi non alimentari.

𝐒𝐂𝐔𝐎𝐋𝐀

👨‍🏫 IN PRESENZA per ASILI, scuole ELEMENTARI e classi di PRIMA MEDIA.
💻 DIDATTICA A DISTANZA invece per SECONDA E TERZA MEDIA, oltre che tutte le SUPERIORI. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia richiesto l’uso di laboratori o sia necessaria in ragione della situazione di disabilità dei soggetti convolti e in caso di bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento online con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.
👉 Con future ordinanze, arriveranno aggiornamenti dal Ministro della Salute in base all’esito del monitoraggio periodico: se una regione dovesse rientrare per non meno di 14 giorni in una condizione di rischio più bassa potrà essere assoggettata a misure meno restrittive.
👉 E’ stato annunciato inoltre un futuro “Decreto ristori bis” per indennizzare gli operatori colpiti negativamente da queste misure restrittive.

Questo il link per scaricare il testo del DPCM completo (nella versione firmata martedì notte ma che non riporta nessuna sostanziale differenza rispetto a quello firmato oggi se non nella data dell’entrata in vigore delle misure).